Parliamo di resilienza…

Come reagire allo stress?

Iniziamo un breve viaggio alla scoperta del legame tra questi termini.

Resilienza, un termine oggi molto utilizzato, soprattutto in psicologia. In questo ambito, infatti, delinea tutti quei casi in cui di fronte ad un evento imprevisto potenzialmente traumatico la persona sfrutta tutta una serie di abilità. Queste gli permettono di reagire in modo non solo protettivo ma addirittura positivo.

Cosa intendo? Cominciamo analizzando il termine stesso.

Resilienza proviene dal latino “resalio” che significa “saltare, rimbalzare” un concetto molto diverso da quello di resistenza con il quale è spesso confuso. Non si tratta, infatti, di reagire con forza di fronte ad un evento, questo implicherebbe una certa rigidità. Piuttosto la qualità della persona resiliente è la flessibilità.

Caliamoci di più nel concetto, proviamo con un esempio…

Immaginate adesso una situazione difficile capitata in passato dalla quale siete usciti indenni o addirittura con un vantaggio. Pensate a cosa avete fatto in quell’occasione, quali capacità avete sfruttato, quali strategie avete adoperato?

Adesso immaginate una situazione altrettanto difficile, simile alla precedente, ma con caratteristiche leggermente diverse. Provate ad esempio a cambiare il luogo, gli strumenti o il tempo a disposizione. Utilizzate le stesse identiche strategie con la stessa sequenza di azioni della prima esperienza. Funzionerebbe altrettanto bene?

Probabilmente nella seconda esperienza vi è mancato qualcosa che inizialmente, invece, era stato fondamentale. Avrete magari ottenuto lo stesso un buon risultato, ma non il migliore possibile in quella situazione. Questo perché ogni esperienza è diversa e va trattata in un modo unico. Trovando le alternative più adatte di volta in volta si può ottenere il risultato più adeguato.

Possiamo quindi concludere che una caratteristica centrale della resilienza è la flessibilità, questo permette di sfruttare al meglio le proprie risorse.

Adesso potreste chiedervi come questo sia possibile…

A questo punto diventa ovviamente centrale possedere un grado di consapevolezza tale da conoscere di quali risorse disponiamo, la flessibilità poi ci aiuta in un secondo momento a scegliere quali utilizzare e come in una data situazione.

Avevo già scritto in un precedente articolo di come non tutti però reagiamo allo stesso modo agli eventi, spesso quelli molto gravi segnano nel profondo le persone e riuscire a superare il trauma diventa molto complicato. In questi casi l’aiuto specialistico è necessario.

Per quanto riguarda la vita di tutti i giorni, le esperienze comuni in cui ci si ritrova a fare i conti con un elevato numero di stressor, è possibile imparare ad essere resilienti e reagire allo stress in modo positivo.

Dott.ssa Roberta Italia